lo studio.

Lo studio del Dr. Guazzi Paolo apre nel 1990 a Modena centro in Via dei Servi.
Successivamente si sposta in Via Scarpa ed infine, dal 2002, nella sede attuale in Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, 69 sempre a Modena, Tel. 059 390726.
Questa sede, negli anni ha dimostrato di poter rispondere al meglio alle imperanti necessità di facile accesso, ampio parcheggio e di massima tranquillità dei luoghi di terapia.
Raggiungibile da tutte le principali direttrici stradali (anche nel caso di blocco invernale antiinquinamento del traffico) e dai mezzi pubblici, questa sede è perfettamente compatibile con l'accesso ai disabili.

La struttura di 200 mq con quattro unità operative e due segreterie, opera nel totale rispetto delle normative vigenti ed è in regola con tutte le attuali specifiche sanitarie.

 


RICHIEDI UN APPUNTAMENTO

Se navighi con uno smartphone clicca direttamente il nostro numero per metterti in contatto con lo studio

059-390726







Puoi contattarci anche in chat (no chiamate) al nostro account di Skype, ti risponderemo il prima possibile. Clicca sul pulsante Chat che trovi sotto.

Modulo Prenotazione

Effettuata la prenotazione sarai contattato dalle nostre Assistenti via Email/Telefono per la Conferma.



Autorizzo al trattamento dei miei dati personali.
Ho letto e accettato l'informativa sulla Privacy

INVIA LA TUA RICHIESTA

 

fisioterapia stomatognatica

A volte succede che non siano propriamente i denti a dare fastidio.
Si avverte durante la giornata, o al mattino, una notevole tensione muscolare e ci si accorge di serrare i denti con forza.
Altre volte sono i nostri conviventi che ci dicono che la notte, durante il sonno, digrignamo i denti producendo un rumore caratteristico.
Questa abitudine viziata può causare un’abrasione anche marcata dei denti, e a volte può determinare senso di pesantezza o addirittura dolore davanti alle orecchie, alle tempie o alla nuca.
Altre volte ci si accorge di una certa affaticabilità durante la masticazione, oppure si sentono dei rumori nell’articolazione della mandibola (davanti alle orecchie) durante il movimento della bocca o mentre si mastica.
Può anche capitare di ritrovarsi “bloccati” a bocca aperta oppure chiusa, oppure di non riuscire più ad aprire bene la bocca (apertura limitata).
Sono inoltre molto comuni i dolori alla testa, alla nuca o alla zona cervicale a volte molto forti, ripetitivi e senza causa apparente.

leggi tutto..

odontoiatria conservativa

E’ quella parte della Odontoiatria che si occupa delle Otturazioni e delle Ricostruzioni dei denti, sia vitali che devitalizzati.
I materiali che vengono utilizzati per queste “riparazioni” sono sostanzialmente due: le Resine Composite e l’Amalgama d’Argento.

Uno degli aspetti più apprezzati dal Medico nelle Resine Composite riguarda la loro “adesività”.
Per meglio dire, queste sostanze si legano al dente con un meccanismo adesivo grazie a una “colla”, che unisce il materiale al dente.
Questo meccanismo adesivo permette di “rinforzare” il dente e, inoltre, di limitare al minimo la rimozione di tessuto non cariato, per cui si dice che le Resine Composite sono materiali più “conservativi” per il dente.


leggi tutto..

prevenzione

Potrebbe sembrare retorico, ma “Prevenire è realmente meglio che curare”!
Il Trapano, le Punture.. e tutto quanto può proporre di curativo il Dentista… potrebbero essere evitati con una buona prevenzione.

Un dente sano è meglio della migliore Corona in ceramica!
Ed ecco che il primo compito del Dentista dev’essere insegnare a prevenire la Carie e le Malattie della bocca, così come il Dietologo insegna ad alimentarsi bene ed il Cardiologo a non trascurare il cuore…



La radiografia digitale, le visite con il microscopio o i sistemi prismatici ingrandenti, l’uso della telecamera intraorale…
sono sistemi di diagnosi, che per quanto accurata serve a trovare la malattia il più presto possibile…
L’ideale sarebbe evitare del tutto la sua formazione!!
Ecco perché il dentista deve parlare innanzitutto di prevenzione piuttosto che della cura!

leggi tutto..

   
 




LEGGI LE RECENSIONI
SULLO STUDIO
 
domande frequenti:

Cos’è uno scheletrato?

Lo scheletrato è una protesi rimovibile (cioè non fissa) che si esegue quando si devono “rimettere” alcuni denti che mancano.
Ci sono 2 tipi di scheletrato: con ganci, più economici ma meno estetici; e con attacchi, più estetici ma più costosi che si ancorano ai denti naturali che sono stati ricoperti con “capsule” protesiche.

Dopo quanto tempo si vedono i risultati?

Dipende a che concentrazione viene usato il prodotto e la reattività dell’individuo.
Comunque più è concentrato più i risultati si hanno in fretta:

  • - 10%, 15%, 20% = dopo 3 settimane con applicazione del gel tutte le notti e almeno per 6h a notte;
  • - 35% = dopo 3/4 sedute dal vostro dentista;
  • - nei denti devitalizzati bastano generalmente 3 o 4 sedute.


In quali casi si ricorre ad un impianto?

L’impianto viene eseguito quando si vuole mettere uno o più denti mancanti.
Nell’odontoiatria tradizionale questo veniva sostituito eseguendo un ponte limando un dente prima e quello dopo (il più delle volte sono denti sani) danneggiandoli permanentemente.
A questo tipo di problema si può sopperire mettendo una radice artificiale in titanio (materiale biocompatibile) al posto del dente che manca, costruendoci sopra una corona protesica.
Altre volte si ricorre agli impianti per stabilizzare delle protesi totali che ormai non stanno “ferme”.
In questo caso si eseguono dai 2 ai 4 impianti sui quali vengono messi dei “bottoni” ,o una “barra” , sui quali si incastra la protesi per dargli stabilità.

La Carie è un fenomeno giovanile?

Sì, si può dire che la Carie è un fenomeno giovanile in quanto fin verso i 30 anni i batteri che la provocano sono molto numerosi nel cavo orale.

Quali sono le principali cause del sanguinamento gengivale?

Le gengive sanguinano quando sono infiammate. Ciò che causa l’infiammazione è il ristagno di placca e tartaro, quindi i batteri. Altre cause possono essere dei manufatti protesici (ponti, capsule) eseguiti in maniera non idonea. Nel primo caso si deve rimuovere la causa fisicamente, quindi con l’igiene professionale in ambulatorio (detartrasi) e con l’igiene orale da mantenere poi anche a casa; nel secondo caso si può procedere sostituendo le corone o i ponti.

Quando si deve devitalizzare un dente?

Il dente si deve devitalizzare quando è compromesso il nervo, e questo può accadere se la carie è profonda ed arriva al nervo o quando si ha un trauma (frattura del dente) con l’esposizione del nervo.

» leggi tutte le domande
 

Guazzi Studio Odontoiatrico
Dott. Guazzi Paolo
viale Carlo Alberto Dalla Chiesa 69,
41126 Modena (MO) Italy
Tel: 059-390726
Fax: 059-303945
E-Mail: studio@guazzipaolo.it